Feb 7, 2016 - Senza categoria    No Comments

Sei tu

Sei tu
tu che mi ricordi la non assenza

lo sfumato ardore
della luce che usciva dalla tua tela spenta

ancor prima
lo sguardo deciso di chi stava in tua presenza
le tue movenze nelle sue
le sue aspettative come le tue

luce furore
ardore colore
tra levrieri e cavalli e pastori
tu l’aquila reale dei miei colori

l’immensità del mondo al di fuori
mai banali le tue colonne
e superando le tue stesse madonne
nella sua dimensione esistenziale

una donna nel suo interiore
splendeva di luce d’amore
quel messaggio naturale e sano
vuol ancora sembrare arcano

sei tu
che mi guardi con lo sguardo lontano

e io
con un tuo catalogo nella mia mano

Sei tuultima modifica: 2016-02-07T12:21:35+01:00da guacamayo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento